domenica 18 marzo 2018

Treffen

Un piccolo post, non per parlare di motociclette ma di quei sorprendenti esseri che quando possono ci salgono sopra per spostarsi. Un piccolissimo post dopo un'esperienza che, a causa di un meteo inclemente (oltremanica dicono shit weather) aveva tutte le carte in regola per essere fonte di delusione ma che, invece, è stata una piacevole lezione di vita, l'ennesima dimostrazione di ciò che ogni motociclista conosce molto bene riguardo a tutti gli altri ma che a volte è bene ricordare.


Un incontro, un treffen, programmato tra Langhe e Roero e segnato da previsioni di pioggia battente e neve. Un luogo scelto lontano da tutto e da molti, eppure... c'erano tutti. Non tutti in moto, questo è vero ma al di là degli sfottò che solo un gruppo di amici si può permettere, nessuno si è sognato di criticare chi è arrivato in macchina, perché l'importante, in queste occasioni come sempre nella vita, sono le persone, non le macchine o le cose.


A chi ritiene che i motociclisti si ritrovino per mostrare il proprio ferro o la propria capacità in curva, occasioni come questa dimostrano che, togliendo queste possibilità rimane il collante, l'inesistente traduzione della parola treffen, che sa di incontro per strada, di condivisione, di voglia di stare insieme.

Grazie amici del Classic Bike Italia, grazie amici di qualunque gruppo di biker, grazie per la dimostrazione del fatto che i motociclisti siano strana, meravigliosa gente.


13 commenti:

  1. Ebbene Mario proprio così !grazie davvero per le tue parole

    RispondiElimina
  2. Ottimo, la prossima volta farò di tutto per esserci
    Ciao

    RispondiElimina
  3. Luca cazzaniga19 marzo 2018 18:29

    Hai visto che hai fatto bene a pubblicarlo?
    Ciao e alla prossima strano e meraviglioso essere.

    RispondiElimina
  4. non sono assolutamente d’accordo . Partecipare ad un truffen invernale in auto è la cosa più stupida che un motociclista può fare, ma di solito chi lo fa non è un motociclista ma uno che ha una moto … cosa ben diversa .
    Tutti ricordano la famosa frase di Chatwin secondo la quale la meta di un viaggio non è il punto di arrivo ma il viaggio stesso … e poi cosa fai??? il viaggio in macchina al calduccio ed il punto di arrivo è un ristorante? così ti abboffi e sei felice di parlare delle tue epiche avventure in moto? che molto spesso si limitano ad un giretto in primavera inoltrata a guardare il panorama? che pena … . Se vai all’Elefant o all’Agnello in macchina che cavolo ci vai a fare ? ti iscrivi lo stesso per avere l’adesivo che metti sulle borse per farti bello al bar? … chi fa così e purtroppo ce ne sono non pochi fa davvero pena .
    Partecipare ad un truffen significa soprattutto mettersi alla prova: percorrere centinaia di km in un giorno in condizioni climatiche molto spesso al limite provare la propria determinazione , il proprio “ coraggio” fare affidamento sulla propria esperienza , condividere il viaggio con chi la pensa ed agisce come te . Non a caso i motociclisti si salutano e nel saluto c’è soprattutto la condivisione … chi guida un auto no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vog Photo, mi dispiace che tu non ti trovi d'accordo, forse non sono riuscito io a spiegare bene il senso del mio intervento o forse non lo hai capito tu.
      Certo che se tu avessi idea di ciò di cui ho parlato, o almeno sapessi come si scrive, tutto sarebbe diverso, magari riuscirei anche a prenderti sul serio.
      Si scrive Treffen e non truffen, e significa "incontrarsi per strada"... si parla di amicizia, non di gente che decide chi è motociclista e chi no, e nemmeno di gente così insicura da avere bisogno di mettersi alla prova.
      Forse faccio pena ma preferisco farlo a modo mio.
      Un saluto.

      Elimina
    2. caro Mario, non te ne devi dispiacere che io sia in disaccordo, almeno a me non importa di essere sempre d’accordo .
      A prescindere dal fatto che ritengo fosse abbastanza chiaro che il mio " truffen" fosse da intendersi quale errore di digitazione e non lacuna conoscitiva del termine da parte del sottoscritto ritengo la tua puntualizzazione - quasi alla stregua della reprimenda che un maestro fa ad un alunno impreparato - una caduta di stile ... pazienza. Cosa volevi dimostrare che non sapessi di cosa stessi parlando?
      Comunque ritengo di essere abbastanza scolarizzato per comprendere - non " capire" che ha significato differente - il senso del tuo intervento ed oltre che a trovarmi in assoluto e totale disaccordo lo ritengo personalmente inutile .. espressione di quel buonismo tipico dei modi letterari del web inutile perché attento solo a compiacere, a ricercare consensi, a non scontentare nessuno ed a ricercare la famigerata condivisione .
      Ma per tornare al tema .. mi pare che tu faccia un po’ di confusione nell’attribuzione dei significati.
      Un treffen non è quello che tu ritieni . Non è in prima istanza un incontro fra persone che si conoscono e che decidono di vedersi in un posto in un certo giorno ; è all’opposto un cimento, una prova a cui un motociclista si sottopone non per dimostrare qualcosa a qualcuno o per esorcizzare le proprie insicurezze come tu ritieni ma solo per il piacere di farlo e all’interno di questa ricerca credo che la maggiore soddisfazione la si ottenga dal viaggio . Un treffen è una prova e non a caso si svolgono in inverno , in luoghi disagevoli da raggiungere, prevedono sistemazioni scomode e l’organizzazione è molto parca nel fornire le comoditas della vita quotidiana . Se uno volesse fare una cosa semplice organizza un raduno a Alessandria a fine giugno .. né troppo aldo né troppo freddo , niente neve e nebbia … si sa mai che …

      Elimina
    3. continua da sopra ...
      Quello che tu chiami treffen è in realtà un meeting e credo che tu possa comprenderne la differenza dato che ne stai organizzando uno .
      Nelle tue parole treffen significa “incontrarsi per strada” ed inconsciamente avvalori la mia posizione … per strada appunto non seduti ad un tavolo … partecipare ad un treffen significa fare centinaia di chilometri in condizioni climatiche proibitive , talvolta estreme , in compagnia di qualche compagno di viaggio a cui puoi fare affidamento in caso di bisogno per fare cosa ? solo per partecipare ad un evento popolato da sconosciuti con cui tuttavia , complice molto spesso qualche bicchiere, in poco tempo trovi affinità che spesso non hai sviluppato in centinaia di pranzetti con i tuoi amici .
      Significa anche scambiare pochi saluti perché la maggior parte dei motociclisti se ne sta a casa e quei saluti hanno anche se solo per un istante un valore differente … naturalmente non competono a chi incroci in auto anche se in garage ha una fiammante Panigale
      Partecipare ad un treffen andando cui in auto è davvero una cosa priva di senso … ti fai mancare tutti i significati, le aspettative le sensazioni che un viaggio “ periglioso” ti regala …. è un po’ come raggiungere vetta di una montagna in funivia e sedersi a mangiare una polenta seduti sulla terrazza panoramica … non ha senso se la tua meta è “sfidare e vincere” è la montagna, se invece il motivo è la polenta .. la puoi mangiare più comodamente al ristorante sotto casa
      un ultima cosa : non capisco se il tuo riferimento ad una apparente mancanza di sicurezza con cui chiudi il tuo intervento sia rivolto a me. Nel caso mio sembra che la tua licenza esuli un po’ dal lecito assumendo connotazioni sarcastiche che non accetto da nessuno e figuriamoci quindi da una persona che neppure conosco. Il tono colloquiale del dialogo sul web volte , come direbbe mia nonna porta “la confidenza che fa perdere la riverenza” . E tale proposito ti ricordo che il mio intervento era proposto in modo impersonale e non indirizzato all’autore dell’intervento da me criticato, ossia a te , .
      Io non decido chi sia un motociclista , in primo luogo perché non mi interessa emettere giudizi pubblicamente anche se naturalmente ho una opinione a riguardo ma invece decido con chi mi fa piacere condividere il viaggio: non a caso ti avevo chiesto come intendessi raggiungere il meeting se in statale o autostrada proprio perché è il viaggio che mi interessa. Avevo anche anticipato che nel caso avessi partecipato non mi sarei fermato al ristorante , non avevo precisato il motivo ma mi pareva abbastanza chiaro che non mi faceva piacere.
      un ultima cosa .. io ho partecipato ad alcuni treffen invernali comportandomi così: parto arrivo mangio un panino e torno indietro … il popolo dei motociclisti da raduno ricco di personaggi al limite del possibile per tipologia , abbigliamento e comportamento mi sono distanti quanto se non più degli incontri al ristorante.
      Come poi tu ti senta riguarda solo te stesso …
      un saluto

      Elimina
    4. Come preferisci ma la traduzione di Treffen è oggettivamente "Incontrarsi per strada" (verifica tu stesso).

      https://www.wordreference.com/deen/Treffen
      https://translate.google.it/#de/en/treffen
      http://dizionari.corriere.it/dizionario_tedesco/Tedesco/T/treffen.shtml

      La tua interpretazione è suggestiva ma resta la tua interpretazione, sulla quale non ho nulla da eccepire.
      Un saluto.

      Elimina
  5. tu puntualizzi sulla senso della traduzione ... la questione non sta nel termine ma nel significato che ad esso si vuole attribuire . Comunemente a treffen si associa più il significato che io gli attribuisco: un raduno invernale che comporta un viaggioo in condizioni proibitive da effettuare in moto ... L'Agnello ... l'Elefant ... il Pinguinos .. e tutti quelli meno noti . Se per te andarci in auto ha lo stesso significato e valore ... contento tu ... contenti tutti . Poi a me non me interessa molto . ma se vuoi proprio puntualizzare "incontrarsi per strada" rimanda per senso a incontri occasionali, un po' fortuiti, estemporanei che avvengono in un non - luogo quale è una strada di cui non si specifica nè il nome nè il punto non significa "incontrarsi al ristorante " che rimanda ad un incontro in posto caratterizzato da una funzione precisa

    RispondiElimina