martedì 6 marzo 2018

Lavami ma senza esagerare.

Pare che voglia tardare un po' ma la primavera arriverà anche questa volta e le strade si riempiranno di nuovo di tutte le moto che sono state tenute in garage da quel 94% che, si dice, non vada in moto tutto l'anno. Il primo fine settimana assolato vedrà centinaia, migliaia di moto lucide, fiammanti, con catene belle ingrassate come le marmotte prima del letargo, serbatoi sfavillanti, cupolini a specchio...

Poi, alla prima pioggia, anche quest'anno inizierà ad aprirsi una piccola crepa, che presto diventerà voragine, tra chi non ha tempo per lavare la moto perché deve andare in giro e chi non può andare in giro perché deve lavare la moto. Sì, sto esagerando ma solo per evidenziare gli atteggiamenti grottescamente estremisti di alcuni motociclisti e, come sempre, gli estremismi non portano vantaggi.

Lavare la moto troppo spesso, oltre a rubare tempo che può essere impegnato meglio, non è solo inutile ma può diventare dannoso per le superfici e i componenti che si stressano ogni volta che li si ripulisce.
Lavarla troppo poco porta alla progressiva distruzione di componenti e superfici trascurate.

Come direbbero Jacques de La Palice e Max Catalano in coro, se solo fossero vivi: bisogna lavare la moto quando è necessario.

Allora risolto? Post concluso? Neanche per sogno. Lavare la moto quando è necessario non basta. Bisogna lavarla nel modo corretto.

Vediamo allora alcuni consigli per mantenere sempre in forma il nostro ferro, la nostra compagna, la nostra... chiamatela come volete ma, per il suo bene, pulitela nel modo giusto.

Più che di pulizia, sarebbe corretto parlare di manutenzione, infatti il lavaggio non è che un insieme di operazioni di manutenzione necessarie, quelle che rappresentano la parte più pericolosa, quella in grado di fare i danni maggiori.

Va ricordato che il lavaggio della moto è la migliore delle occasioni che si hanno per analizzare lo stato di ogni singolo componente, guarnizione, vite, bullone, plastica, tubo, cavo... una chance per prevenire i guai. Approfittiamone!

Laviamola


La moto è nata per stare all'aperto, alle intemperie, l'acqua non dovrebbe rappresentare un problema, per lei. Infatti non lo rappresenta nemmeno per noi, a meno che non ce la sparino ad alta pressione, magari per scrostare bene qualche interstizio o su parti del corpo un po' più delicate.

Secondo molti l'utilizzo della lancia ad alta pressione è assolutamente da evitare, perché in grado di sollecitare troppo violentemente parti elettriche, le grafiche, le guarnizioni in gomma e chi più ne ha più ne metta. Vero. Ma è anche vero che non creerà mai danni a cerchioni, parafanghi, targhe... che hanno spesso bisogno di una bella strigliata.

Se la moto è molto sporca, non si deve aver paura di passare qualche componente con una lancia ad alta pressione, l'importante è, a seconda delle parti, mantenere una distanza adeguata e non puntare mai il getto all'interno di intercapedini dietro alle quali possono essere presenti componenti elettriche.

Togliamo quindi la sella, le borse e il bauletto, che laveremo a parte, e tappiamo in qualche modo gli scarichi per impedire che possa entrarvi dell'acqua, specialmente se non utilizzeremo subito la moto, poi iniziamo.

I cerchioni sporchi di melma li potremo scrostare con l'idropulitrice anche a distanza ravvicinata, così come la parte inferiore dei parafanghi, le parti più esterne di forcella e forcellone, i ripari del motore, la targa e il parabrezza o cupolino. Per le altre parti avremo l'accortezza di tenere il getto ad almeno un metro dalla superficie da ripulire e eviteremo accuratamente di spruzzare su sella (se non l'abbiamo tolta), sottosella, cruscotto, motore e corona/catena.

Dopo aver tolto la più grossa con l'acqua, inizieremo il vero e proprio lavaggio, muniti di secchio, spugna e di tutti i prodotti necessari. Riguardo ai prodotti: dimenticate il sottolavello: ciò che va bene per piatti e stoviglie, forno e lavabo, mani e parti intime non va bene per la moto.
Vediamo ciò che serve man mano che procediamo.

Prima di tutto posizioniamoci possibilmente all'ombra.
Se ce l'abbiamo, spruzziamo un po' di prodotto per la rimozione dei moscerini che si troveranno in abbondanza spiaccicati su cupolino, specchietti, paramani, forcelle e, senza attendere, passiamo uno straccio o della carta per raccogliere le bestioline ammorbidite.

Quindi possiamo insaponare: passiamo su tutta la moto, fregando dove necessario, la spugna insaponata in acqua tiepida. La temperatura dell'acqua è importante soprattutto per noi: con le mani "gelate" si lavora male. Quale sapone usare? Come detto non quelli trovati in cucina, né quelli per l'igiene personale... solo shampoo per auto o per moto, in linea di massima uno vale l'altro ma non cercate di risparmiare troppo.

Poi bisogna rimuovere la schiuma, possibilmente con acqua a caduta, quindi non alta pressione ma la classica gomma per bagnare l'orto e un getto non troppo importante, con l'acqua che cade dall'alto portando il sapone a terra.

Se l'operazione di insaponatura dovesse durare troppo a lungo o se non fossimo all'ombra, come il bimbetto dell'immagine, allora dovremo interromperci per sciacquare le parti già insaponate prima che asciughino.

Appena finito di sciacquare, dovremo prendere un panno pulito, possibilmente in microfibra, con il quale asciugare bene ogni parte. Ci accorgeremo presto che un solo panno, se non abbastanza grande, potrebbe non essere sufficiente, a meno che non sia una pelle di daino, da strizzare spesso.

Si presti particolare attenzione alle parti cromate: devono essere asciugate meglio che si può.
Pulire poi molto bene le parti scorrevoli della forcella, con uno straccio pulito o con della carta: si allungherà la vita dei paraolio.

Manuteniamola


La prima cosa che serve, a questo punto, è un paio di guanti monouso, quelli di lattice o simili: i prodotti che andremo a maneggiare non fanno proprio parte del corredo del perfetto manicure. Indossati i guanti, procediamo.

Tolta la melma, passiamo al grasso, quello che si accumula perché perso dalla nostra catena e dai motori altrui e quello che ci arriva direttamente dall'asfalto su tutte le superfici della moto. Per poter essere tolto dev'essere sciolto e per scioglierlo servono appositi prodotti.

MANUTENZIONE DELLA CATENA
Per operare più comodamente, la moto dev'essere issata sul cavalletto centrale o su un cavalletto che sollevi la ruota posteriore. Ciò permetterà di fare scorrere la catena semplicemente facendo girare la ruota posteriore. Diversamente, si dovrà spostare la moto per accedere, un pezzo per volta, a tutta la catena.
Non ci si sogni nemmeno di pulire la catena con il motore acceso: non immaginate quante dita sono andate perse per una stupidaggine del genere.
Sempre lavorando sulla parte superiore del tratto di catena che scorre più vicina al pavimento, si spruzzi o si versi il prodotto scelto per sgrassare e con uno straccio, si sfreghi per pulire il tratto di catena a disposizione finché si presenti ben pulito.
Esistono apposite spazzole per entrare in tutti gli anfratti.
Si faccia scorrere la catena per vedere il tratto successivo e si ripeta l'operazione fino a quando si incontrerà nuovamente il pezzo di partenza (se non è proprio tanto sporca, fate un segno con un pennarello).
Consiglio di utilizzare un pezzo di cartone, da posizionare subito oltre la catena, per evitare di spruzzare i prodotti su altre parti della moto e sul pavimento.
Con un altro straccio, si asciughi bene tutta la catena e poi si attendano almeno 10 minuti perché evaporino i residui dei solventi.
A questo punto si potrà procedere all'applicazione del grasso, il quale può essere spray o da spalmare a mano. Quello spray è comodissimo e ci si sporca meno.
Prima di applicarlo, però, si faccia girare la catena per un paio di minuti, con la moto sul cavalletto in prima, in modo che l'attrito scaldi i componenti favorendo l'assorbimento del lubrificante. Questa operazione servirà anche ad asciugare meglio il motore se abbiamo lavato la moto ma... ci si ricordi di togliere i tappi dagli scarichi!
Nuovamente a motore spento, si passi accuratamente tutta la catena spruzzando il lubrificante sempre sul lato interno (si veda la figura qui sotto).
Spesso i lubrificanti sono colorati di nero o di giallo, per aiutarci a capire quando abbiamo passato tutta la catena.
Possiamo andare dall'onnipresente WD-40 allo specialistico Fulcron della Arexons. Tutti prodotti da spruzzare sui cerchi e sulle altre parti metalliche da ripulire e lasciare agire per qualche minuto, prima di procedere all'impiego del più diffuso e più a buon mercato olio di gomito, per sfregare la parti con una spugna che si utilizzerà solo per questo, da non riutilizzare affatto per altre operazioni su altre parti della moto!
È importante sfregare bene, perché, oltre al grasso, dobbiamo fare tutto il possibile per togliere anche i residui del prodotto utilizzato, altrimenti, a lungo andare, il minimo che farà sarà lasciare delle brutte macchie.

Un'altra parte che dev'essere sgrassata, e anche molto bene, è la catena. La si sgrassa per togliere, insieme al grasso, tutta la sporcizia che ci si è amalgamata e che non permette alla catena di svolgere correttamente il suo lavoro. Poi la si reingrassa accuratamente, in modo da favorire il corretto scorrimento su corona e pignone e per proteggere la superficie dall'ossigeno, prevenendo l'ossidazione.

Per la catena esistono prodotti leggermente più aggressivi, che aiutano ad ottenere risultati migliori in tempi rapidi. Sono sostanzialmente solventi, che vanno dai vari Motul, Motorex, Castrol al kerosene, dal Fulcron, di cui sopra, al petrolio bianco (o lampante).
Il petrolio bianco rappresenta una buona soluzione, efficace ed economica ma ha qualche controindicazione: puzza e ci impone di sporcarci ben bene in quanto è venduto in forma liquida.
Consiglio l'adozione di due prodotti della stessa casa, per lo sgrassaggio e per l'ingrassaggio, in modo che siano studiati per operare in simbiosi. Riporto nel riquadro a destra le operazioni per il trattamento della catena, ci si ricordi solo che l'ingrassaggio della catena è un'operazione che va fatta spesso, in media ogni 500-1000 km se si viaggia solo su strada, più spesso se si pratica l'off-road. Esistono prodotti distribuiti in piccole bombolette da portarsi dietro quando si affronta un lungo viaggio per poter dare almeno un'ingrassata di fortuna quando se ne ha la possibilità.

Infine, con un po’ di carta assorbente leggermente bagnata con del liquido/spray per la pulizia di freni o un solvente leggero, passiamo su tutte le superfici dei dischi per eliminare le ultime tracce di smog, sporcizia e shampoo eventualmente rimaste. Facciamo girare leggermente le ruote per raggiungere la parte di disco nascosta in mezzo alla pinza: lì qualche cosa sarà rimasto di sicuro!

Facciamola brillare... a lungo.


Il frutto del nostro lavoro, questa moto così pulita, dev'essere protetto il più possibile e, soprattutto, è necessario proteggere le parti che sono soggette a ossidazione, come le cromature e le parti in ferro/acciaio, o a disseccamento e screpolatura, come le plastiche e le guarnizioni o protezioni in gomma.

Anche per fare questo esistono prodotti specifici che, oltre a lucidare le superfici rendendole splendenti, creano una pellicola siliconica a protezione di metallo, plastica e gomma. Ritroviamo l'onnipresente WD-40 ma anche tanti altri prodotti, quasi tutti in diverse declinazioni per metallo, plastica, gomma...
Comprarli tutti non vuole dire necessariamente spendere di più ma solo anticipare un po' le spese, dal momento che due flaconi diversi di prodotto dureranno il doppio rispetto a un unico flacone universale.

Procedendo per piccole zone, si spruzza il prodotto sulla superficie da lucidare/proteggere, poi con un panno pulito e non utilizzato per altro, si sfrega la zona fino a provare la soddisfazione di vederla brillare e, soprattutto, fino a quando non si vedono più parti umide.

Se non l'avete mai fatto prima non stupitevi: man mano che procedete, la moto vi sembrerà ritornare nuova!

Riepiloghiamo


Laviamo la nostra moto quando è sporca e facciamo regolarmente le manutenzioni del caso.
La catena e gli steli della forcella vanno ripuliti regolarmente, anche se la moto sembra pulita.
I cerchioni si sporcano molto con grasso e polvere delle pastiglie dei freni e il loro stato è l'indicatore del fatto che la moto sia da lavare.
Suddividiamo le operazioni in fasi diverse e utilizziamo attrezzi diversi per ogni fase: stracci e spugne divisi per lavaggio asciugatura, lucidatura, sgrassaggio...

Nessun commento:

Posta un commento