martedì 4 luglio 2017

Un piccolo itinerario in Provenza, tra vigne e lavanda

La zona è quella della lavanda, il periodo è quello della sua fioritura, che vuoi fare? Ci sono andato.


Però, da cultori del buon vino e del buon cinema, insieme a Roz ne abbiamo approfittato per seguire le orme di Max e Fanny, i protagonisti di Un'ottima annata, un film di Ridley Scott con Russell Crowe e Marion Cotillard basato sull'omonimo romanzo scritto da Peter Mayle.

Il film è ambientato principalmente a Bonnieux, nel Château La Canorgue, dove viene prodotto del buon vino in un ambiente fantastico.

Peccato che il château non sia visitabile, però è comprensibile: ci abitano i proprietari.

Non aspettatevi un castello, noi l'avremmo chiamata villa. Ma che bella villa!
Scene dal film
Una visita alla cantina e, compatibilmente con gli spazi in moto, un piccolo acquisto, non ce li siamo fatti sfuggire.

Veniamo all'itinerario.
In tutto prevede meno di una trentina di Km ma, con le visite d'obbligo, si possono affrontare in almeno una mezza giornata.

Consiglio vivamente di vedere il film prima di avventurarsi in questo itinerario: lo si potrà apprezzare meglio.

Luogo
Coordinate
BonnieuxN43.829140 E5.312689
Château La CanorgueN43.831852 E5.315625
GordesN43.911390 E5.199790
Abbaye de Notre Dame de SénanqueN43.931732 E5.189118
Col des Trois TermesN43.950279 E5.195864

Partiamo proprio da Bonnieux, nel Luberon, la zona di Apt.

Un giretto su e giù per il paese, colazione al belvedere e poi si parte, per fermarsi dopo pochissimi chilometri, proprio alla cantina del Château La Canorgue.
Il giardino, tra le vigne, con fontane, prati, il pergolato di vite e i filari di lavanda, vale da solo la visita.

La cantina, o meglio lo spazio riservato alla vendita del vino, trova posto in una costruzione separata dalla villa. Personale gentilissimo presenta il vino e invita alla degustazione. Noi ci siamo stati alle nove del mattino: siamo andati sulla fiducia.
Finita la visita, si riparte sulle stradine in mezzo alle vigne, e su belle strade veloci, per un alto luogo utilizzato per le riprese: Gordes, con il suo Hotel le Renaissance dove Ridley Scott ha ambientato il bistrot di Fanny (ma non pensate di fermarvi se non avete con voi una buona carta di credito!) e il Cafe de France, dove c'è la fermata del bus in cui Max consegna la lettera a Christie e un impareggiabile panorama sul Luberon.

In effetti è un magnifico borgo arroccato intorno ad uno stupendo castello che richiama turisti da ogni parte del mondo: una visita rapida per noi è sufficiente: ci piacciono le strade, lì intorno.

Sulla piazza principale troviamo le indicazioni per l'Abbaye de Sénanque, un'abbazia dedicata a Notre Dame de Sénanque fondata, dai monaci cistercensi nell'undicesimo secolo e a tutt'oggi da questi gestita e mantenuta grazie ai proventi della coltivazione e lavorazione di uve e lavanda.

Il luogo è molto bucolico, in fondo alla valle e circondato da vigne e filari di lavanda: essendo in zona sarebbe un vero peccato perderselo.

Il numero di turisti è alto ma gli spazi sono ampi e una visita è tranquillamente affrontabile.
La strada che porta alla abbazia è stretta e a senso unico. Se siete fortunati non incontrate giapponesi, con macchina a noleggio, che non l'hanno capito. Quindi: occhio!

Ripartendo dall'Abbaye de Sénanque, visto il percorso obbligato, vi troverete vostro malgrado ad attraversare un piccolo passo: il Col des Trois Termes. Da lì potrete decidere se prendere per Avignone, la città dei papi, per Russillon, il Colorado della Provenza, oppure per Manosque e Valensole, il cuore della zona della lavanda.
Dimenticavo: il vino di Château La Canorgue, il Coin Perdu, l'abbiamo comprato ma non ancora assaggiato: deve riposare ancora due anni. Al momento non sappiamo, quindi, se sia buono o se la sua fama sia solo il risultato del battage pubblicitario ottenuto dal film. D'altra parte, qui non parliamo di vini ma di strade e queste di cui vi ho accennato sono eccezionali.
Per il vino... vi faremo sapere.

Nessun commento:

Posta un commento